lunedì 28 dicembre 2015

PERCHE' IO

"Perchè mi sono ammalato io?".

Non mi aspettavo questa domanda.
Mi aspettavo lacrime di stanchezza,difficoltà a prendere le medicine, crisi per i lunghi viaggi andata e ritorno per Torino in day hospital....... Ma questa no, non da lui che ha appena compiuto cinque anni!
E non lo ha chiesto per capire come mai non era successo tutto questo casino ad un altro, ha chiesto perchè lui!
Quanto dà a tutti noi ogni giorno il nostro caro piccolo grande Achille! Quanti insegnamenti, quanta forza, quanta volontà, quanta allegria!
La cosa importante è ritornare al pomeriggio a casa per fare un giro in monopattino con i suoi fratelli e per costruire una scatola nuova di lego con il papi!
Avrei voluto dirgli che certe cose accadono senza motivo, che è ingiusto che i bambini si ammalino, che a cinque anni avrebbe tutto il diritto di piangere e di desiderare di andare a sciare come i suoi fratelli, di uscire in pizzeria, al cinema in mezzo alla gente......
Ma tutto questo è quello che passa nella mia di testa perchè lui è più maturo di tutti noi,sa che non può punto e basta!
"E' successo a te perchè sei forte, prendi bene le medicine e sorridi sempre, per questo guarirai, sarà solo un pochino lungo".

sabato 19 dicembre 2015

IL MIO EROE






L'effetto del'anestesia per il prelievo del midollo sta finendo, Achille si sta risvegliando piano piano, non vede ancora bene, le infermiere lo stanno riportando nel suo letto nella stanza "spiaggia" del day hospital, si perchè le stanze del day hospital sono tutte colorate e si chiamano spiaggia, oasi, ecc... noi oggi siamo nella spiaggia, la stanza verde.
Mi cerca, mi chiede dove sono stata e prontamente l'infermiera gli risponde che ero andata a fare pipi'.
L'avevo tenuto tra le braccia mentre l'anestesista gli iniettava l'anestestico e poi sarei rimasta li con lui, ma l'infermiera gentilmente aveva aperto la porta della stanza medicazione 2 per farmi capire che il momento della separazione era arrivato, avrei aspettato in stanza.
"Mammina mammina dove sei stata, ti voglio bene!"Così mi dice mentre mi ricopre di baci.
La stanza è da quattro, c'è rumore, la maestra Ripalta fa scuola ad una bimba, un medico parla ai genitori di una ragazza e un bimbo straniero dell'Europa dell'est continua a piagnucolare. 
Ma  è come se ci fossimo soltanto noi due.
Mi sdraio a fianco a lui e ricambio con amore i suoi baci, cerco di farlo addormentare.
Chiudo gli occhi e sogno di essere nel lettone di casa in una domenica mattina in cui non ci sono impegni, solo tempo per coccole........
Lo tengo stretto a me e penso al grande uomo che diventerà, lui che dopo due punture nella schiena sorride alla sua mamma e protende le sue manine che incerte cercano il mio viso per baciarlo.
Non piangevo da due settimane, credevo di aver esaurito le lacrime, mi sentivo forte....e invece.......
E' un bambino fantastico, coraggioso, forte.
"Mamma: la medicina che sa di menta devo prenderla prima di cena, vai a prenderla adesso prima che poi ti dimentichi!"
Il mio bimbo, di appena cinque anni compiuti mentre faceva la chemio in ospedale, è un eroe, e ringrazio il Signore per avermi donato un bimbo cosi' fantastico.
Il minimo che posso fare per lui è essere forte, positiva, coraggiosa come lui....

martedì 15 dicembre 2015

Eccolo qua il Natale


Tutti pronti per il Natale!

Il viaggio di Achille prosegue direi alla grande, è veramente un bambino adorabile e non lo dico solo io, ogni volta che andiamo in ospedale lo dimostra a tutti: dottori, infermiere per come prende le medicine, per come aspetta paziente a letto che finisca la flebo consumando scatole di pennarelli, per come si presta agli esami a cui viene sottoposto, ma anche ai suoi compagni di viaggio per come sorride sempre, perchè parla sottovoce quando qualcuno dorme e perchè  chiacchera... chiacchera e chiacchera!



 Mancano 10 giorni a Natale, cambia la musica che ci accompagna in questo viaggio, a papà piace ascoltare radio DJ mentre andiamo in ospedale e Achille canta: "Eccolo qua il Natale"......


sabato 5 dicembre 2015


Ci penso spesso al giorno in cui tutto ha avuto inizio, al giorno in cui è iniziato il viaggio di Achille.
Non so se lo sogno di notte o se ogni tanto lo rivivo, credo entrambi.
Partire improvvisamente da casa, lasciando parte della tua famiglia, per non so dove e per non so quanto tempo.
Scappare da casa per salvare il tuo bambino e  lasciare indietro gli altri tuoi due figli... è stato devastante.
Il pediatra di Achille è seduto davanti a me e parla, poi telefona a Torino: "dovete partire subito hanno posto!".
Le valige per le vacanze mi hanno sempre messo ansia per quella sensazione di aver dimenticato qualcosa...........
"Quindi devo preparare la valigia.... con un po' di vestiti? Quanti? E quando torneremo?".
Il viaggio verso Torino è stato lunghissimo come del resto le due ore e mezza dalla telefonata dell'ospedale che avvisava di andare subito a ritirare l'esito degli esami del sangue e il verdetto del pediatra.
Non immaginavo che cosa avrei trovato in ospedale a Torino ma il pediatra me l'aveva detto :"Una volta là si prenderanno cura di Achille e di tutti voi..........".

giovedì 3 dicembre 2015

Happy birthday








Che torta di compleanno è se non ha la panna?
La risposta ora la posso dare: è una crostata di nutella fatta dalla nonna e una grande torta a piu' piani di marsmallow colorati fatta da due amiche che si sono subito messe al lavoro per rendere felice Achille.
Un compleanno alternativo ma i regali prima in ospedale e poi a casa hanno reso felice Achille che dimostra di avere uno spirito di adattamento pazzesco.



mercoledì 2 dicembre 2015

CASA DOLCE CASA








Siamo a casa esattamente da una settimana.
Queste sono foto degli ultimi giorni di ricovero e dei primi giorni a casa:
Casa dolce casa!!!
Che ansia però abbandonare la bolla protetta del quinto piano del Regina Margherita!
Ci hanno dimesso con una borsa piena di medicine, le ho sognate tutta la notte...........questa al mattino per prima poi quella con quel nome strano, poi le pastigliette da tritare che ad Achille fanno schifo, quelle solo al sabato e alla domenica........!!Oddio!!!
Il rientro a casa è complicato: la vita continua, non si ferma per te, i fratelli di Achille vanno a scuola, ci sono i compiti le loro attività e soprattutto hanno bisogno di tanto amore.
Achille sta abbastanza bene, è molto forte e per questo l sua malattia è un qualcosa di poco tangibile soprattutto per il fratellino che non sa cosa sono le cellule, i batteri, i tumori......

Comunque: sono felice, e direi anche più di un'ora al giorno come mi avevano prescritto!!
Achille mi fa ridere,è lui che mi tiene su il morale!
Al mattino il suono della sveglia mi catapulta bruscamente nella realtà, ho sonno, sono, come anche in tempi "normali",un pò imbronciata, ho voglia solo di una tazza fumante di te nero twinigs amaro,il pensiero di cibo mi chiude lo stomaco ........ e poi arriva Achille,che si sveglia con un sorriso che illumina la stanza buia dalle persiane ancora chiuse, "Mamma ciao, posso mangiare il philadelphia a colazione? E a pranzo vorrei gli spaghetti al pesto e i bastoncini, .........però ho fame anche di toast!!! Allora???".
Chi non riderebbe??!!

sabato 21 novembre 2015


Finalmente ricomincia a camminare, ma a lui neanche questo ha tolto il sorriso e la forza, importante era poter raggiungere sempre la sala giochi anche se con il triciclo.

TORNARE A CASA





Come sarà tornare a casa?
Sono passati 8 giorni dal ricovero e qua stiamo bene.
Mi sento protetta, lo sento protetto, al sicuro.
C'è una routine quotidiana, niente sorprese, tutto pianificato:
- 6.00 prelievo a letto;
- 8.00 colazione;
- 10.00 visita;
- 12.30 pranzo;
- 16.00 merenda;
- 18.30 cena.
Siamo circondati da belle persone, sempre sorridenti, gentili che lo curano.
A casa saremo in grado di occuparci adeguatamente di lui?
Leggo il manuale delle norme da seguire, norme di comportamento, norme igieniche,norme alimentari...., mascherine...
E se sbaglio?
Non nascondo un po' di ansia.

Io che faccio la marmellata, la passata, io che prediligo i prodotti freschi, i formaggi nostrani, il miele nostrano, io che ho sempre detto aimiei figli che tutto cio' che è industriale non è sano mi ritrovo a dover alimentare mio figlio con prodotti solo conservati per evitare rischi di infezioni batteriche ecc....
Ma tutto questo che senso ha?





venerdì 20 novembre 2015

Dopo lunedì scorso altra tappa pesante oggi ma ci sentiamo forti e preparati!

giovedì 19 novembre 2015

LA MIA MALATTIA

DOTTORESSA=D
ACHILLE=A
D. Ciao Achille ora ti spiegherò perchè ti trovi qua in ospadale. Il tuo sangue si è ammalato, sai cos'è il sangue? E' quello che ogni tanto ti prendono da quel tubicino.
Ora ti farò un disegno.
Nel tuo sangue ci sono tanti puntini rossi come questi che si chiamano globuli rossi e servono a darti la forza.
Poi ci sono le piastrine che coloro di giallo, se vuoi puoi chiamarle piastrelle perchè sono quelle che fanno la crosticina, un muretto sulla pelle quando cadi e ti sbucci.
Quando tu sei arrivato qua avevi pochi globuli rossi e poche piastrine ecco perchè eri un po' stanco, noi ti abbiamo dato due sacchettini uno rosso e uno trasparente pieni di globuli rossi e di piastrine.
Nel sangue poi si trovano anche i globuli bianchi che disegnerò con la matita perchè sono bianchi.
 Ti sei ammalato perchè i tuoi globuli bianchi sono diventati dispettosi, ecco perchè farò loro la bocca in giu', hanno iniziato a mangiare i globuli rossi e le piastrine!
La tua malattia si chiama LEUCEMIA.
Quale colore ti piace Achille?
A. Arancione.
D. Ok allora con il colore arancione faccio questa freccia che è la medicina. 
Dovrai sempre prendere la medicina per la medicina è brava: manderà via tutti i globuli bianchi dispettosi e tu potrai tornare a casa.
Quando avrai preso tutte le medicine non ci saranno piu' globuli bianchi dispettosi e torneranno i globuli bianchi bravi e sorridenti che coloro di verde.
Hai capito Achille? 
A. Si.

Il cortisone fa veramente schifo, le infermiere mi hanno detto che a volte hanno dovuto anche nasconderlo nella nutella...
Achille lo prende già da 3 giorni 3 volte al giorno e non si lamenta, si lamenta solo quando deve lavare i denti!

La dottoressa è uscita dalla stanza.
Achille mi ha detto di voler fare il disegno, pero' non si ricordava i nomi...........

mercoledì 18 novembre 2015



Io sono quà con lui e tu: grande amore della mia vita  fai avanti indietro nella nebbia, ti occupi degli altri nostri due cuccioli,  gestisci i loro spostamenti le loro attività, i compiti, lavori, hai anche fatto girare penso per la prima volta la lavatrice.... 
Una bella tegola ci è caduta addosso.........
Tu mi hai detto:
"E' successo a noi perchè siamo forti, sapremo gestire tutto fino alla fine, altri genitori sarebbero impazziti.........".
Ci penso e ti credo perchè non trovo altra risposta alla domanda perchè? 

martedì 17 novembre 2015

GLI ANGELI


Credo proprio che esistano gli angeli in terra.......
Sono tutti gentili ma alcuni come il dottor S. e l'infermiera I. trasmettono una tale serenità, tranquillità e pacificità in quello che fanno che non è umano!
E ' pazzesco come un dottore angelo in terra possa fare e far fare ad Achille qualsiasi cosa mentre un bravo dottore umano non riesca nemmeno a farlo sdraiare.......



Un viaggio di tutto rispetto deve avere una colonna sonora che lo accompagni, ad Achille piace "Roma Bankok" e così sia!

............partire e tornare
Senza sapere quando
andata senza ritorno
ti seguirei fino in capo al mondo

all’ultimo secondo


volerei da te, da Milano fino a Hong Kong


passando per Londra, da Roma e fino a Bangkok

..............


domenica 15 novembre 2015


"E' l'unico con ancora i capelli", ecco cosa ho pensato ieri entrando nella sala giochi.
Su ogni porta di ogni stanza c'è scritto il nome del paziente e gli anni,su due sono indicati i mesi 13 e 19.
Dopo due trasfusioni ha ripreso colore, il suo pallore era iniziato circa un mese fa, a cena da amici avevamo notato che era un po' giallo: "saranno le luci"! Non sembrava affatto malato, saltava da un divano all'altro e l'appetito non è mai mancato.
Ieri la giornata è stata lunga perchè la prima trascorsa dall'inizio alla fine qui!
"Quando torniamo a casa?" 
"Fra qualche giorno, non preoccuparti!"
"Sei cattiva mamma, non mi porti a casa, sei cattiva mamma non mi togli questo tubicino!".
E' dura ........
Un signore di nome Marco di circa 60 anni che fa parte di una onlus, l'unica che puo' entrare in questo reparto,  gonfia un guanto a mò di palloncino per Achille, mi guarda e mi chiede se siamo appena arrivati, i mie occhi diventano lucidi e lui, in dialetto Torinese, mi dici "là in fondo c'è il pianerottolo, vai sto io con lui fatti una bella piangiata, due urli e poi quando ti è passata ritorna, vedrai che andrà meglio dopo!
E così ho fatto.
Ieri è iniziata la conoscenza di queste persone speciali.
Chi si occupa dei bimbi e chi dei genitori come Marco ha fatto con me.
"Almeno un'ora al giorno devi essere felice" me l'ha lasciato una ragazza vestita da clown.......
Il momento migliore della giornata?
Quando mi sono addormentata stanchissima ieri sera, finalmente il mio cervello si è spento, i miei occhi hanno smesso di piangere di nascosto e il mio cuore si è un po' rilassato.
Il momento peggiore della giornata?
Al mattino alle 6.30 quando ho aperto gli occhi ed ho ricominciato a pensare.
I pensieri vanno veloci, più veloci delle parole in un discorso, più veloci delle lettura di un libro. Sono come una sequenza di immagini accelerate......e cosi riprendo a piangere, in silenzio, di nascosto mentre Achille continua a dormire.
Domani, lunedì, sarà una lunga giornata per Achille, una tappa dura del suo viaggio: ago aspirato e prelievo di liquor.

E poi penso:
ma a cosa è servito insegnargli a mangiare sano, non schifezze, a non bere bevande zuccherate e troppe caramelle perche' fanno male ai denti, a mangiare regolarmente frutta e verdura come indica la piramide dell'alimentazione, a  fare insieme torte e biscotti perchè sono meglio delle brioche piene di conservanti......
L'armadietto della nostra camera ora è pieno di caramelle, ringo, succhi di frutta e faffanculo a tutto!



sabato 14 novembre 2015

IL VIAGGIO DI ACHILLE

E' iniziato ieri il viaggio di Achille.
"Mi piacerebbe visitare Torino, negli ultimi anni deve essere diventata proprio bella!" Eccomi servita! Mi trovo vicino al Museo dell'automobile, lungo il Po a pochi minuti dal Centro.........C'è anche un ponte con il mio nome:Principessa Isabella".
Pensavo alla mia parrucchiera Rita, in convalescenza dopo un intervento al ginocchio:"Faccio la tinta questo weekend o il prossimo quando ci saranno i mercatini di Natale a Scopetta? ".
"Devo sbrigarmi con i bigliettini da visita di wooliscool, li ho quasi finiti alla fiera di San Michele".

Gli esiti degli esami del sangue dovevo andare a ritirarli martedì, ieri era venerdì quindI non era sicuro niente di grave, altrimenti me li avrebbero datti subito........
Questi erano i miei pensieri di ieri prima delle 14.30.

Dopo: ......... non lo auguro a nessuno.

Scrivo perchè non so cosa fare, e non perchè mi annoio.
Vorrei addormentarmi e risvegliarmi tra 24 mesi , questa è la durata della terapia, quando finalmente tutto sarà finito, andremo al mare a festeggiare tutti e cinque insieme.

Achille ha la leucemia.
Proprio lui: energia allo stato puro!

13 novembre 2015 
- ore 18.00
inizia il viaggio di Achille. 


giovedì 8 ottobre 2015

martedì 6 ottobre 2015

FILETTI DI MERLUZZO AI DUE POMORI


E' da un po' che non pubblico qualche mia ricetta, ma il tempo è sempre poco!!
Noi amiamo il pesce ma purtroppo il pescivendolo non è proprio sotto casa per cui quando vado a fare la spesa compro sempre anche del pesce surgelato che mi salva la cena quando il frigo è vuoto!
Non è certo alta cucina ma un piatto veloce, sano, delicato che piace anche ai bambini.


INGREDIENTI:
filetti di merluzzo surgelati, olio, prezzemolo tritato, pomodori a pezzi, pomodori secchi sott'olio, sale .
Metto tutto il una padella antiaderente, a fuoco lento con il coperchio, giro solo una volta e spengo quando il pesce è bello caldo.

domenica 4 ottobre 2015

 La foto non rende .............sembra un po' in prigione, provvederò al piu' presto a scatterne di meglio, da circa tre mesi si sono aggiunte alla nostra famiglia 9 ragazze (come le chiama M. quando le fa uscire dal giardino del pollaio per sgranchirsi le zampe!!) .
Uova ancora niente, ma attendiamo con emozione anche questa esperienza!!

venerdì 2 ottobre 2015

AGGIORNAMENTO DALL'ORTO

















E' stato divertentissima la raccolta o meglio la caccia al tesoro delle patate!!
I bambini si sono divertiti tantissimo, qualche patata l'avremo sicuramente dimenticata nell'orto perchè non è stato applicato un criterio metodico, l'entusiasmo ha creato un po' di confusione ma del resto quando manca la confusione a casa nostra???!!!
Ora l'orto puo' finalmente riposare, ancora solo rape e broccoli su cui non garantisco il risultato!!

Google+ Followers